Passione coltelli: Il Puukko

credit by : Nortman

Il puukko è un coltello tipico finlandese nato per la caccia e l’intaglio,con tagliente leggermente curvo e dorso dritto

I primi coltelli scandinavi risalgono circa al I secolo, dopo l’arrivo di popolazioni germaniche entrate in contatto con le popolazioni autoctone finlandesi.

Osservando gli esemplari storici è chiaro come la forma del puukko sia rimasta grossomodo invariata nel corso dei secoli, pur sviluppando un gran numero di modelli regionali.Kauhava, in Ostrobotnia, è classicamente considerata la “capitale dei puukko” causa il gran numero di fabbri e aziende che vi hanno operato e vi operano tuttora.

Il dono di un coltello ad una persona è stato, ed è ancora in una certa misura, un gesto ricco di significati simbolici. I genitori, ad esempio, regalano un coltello al figlio quando questi raggiunge la maggiore età; il coltello va consegnato dalla parte dell’impugnatura in senso di fiducia. Nelle zone rurali è ancora comune che un bambino riceva il primo coltello attorno ai 6-7 anni e gli vengano quindi insegnati i primi rudimenti dell’intaglio.

Intorno al 1850 è nato in Finlandia il Tommi. I puristi finlandesi lo considerano il puukko per antonomasia, nella sua massima espressione stilistica e funzionale. Caratteristiche distintive sono la sezione romboidale della lama, il pomo “crestato” e, secondo alcuni, i colori de fodero. La sezione romboidale, in realtà molto precedente al Tommi e nata dall’abitudine dei fabbri di forgiare lame anche riciclando lime, permette di avere una lama solida e leggera al tempo stesso, avendo il dorso relativamente sottile e il punto più spesso all’attaccatura dei biselli.

Il puukko fu fedele compagno dei soldati finlandesi durante la Guerra d’Inverno sia come coltello di utilità sia come arma bianca per il corpo a corpo.

la lama, tendenzialmente compresa fra i 50 e 130 mm di lunghezza e tra i 2 e i 6 mm di spessore è accompagnata da un manico
solitamente cilindrico, a sezione ovale o “a goccia”, senza guardia o incavi, può avere un pomo più o meno marcatamente uncinato in alcune varianti regionali. Quasi sempre costruito in legno anche se sono stati realizzati, soprattutto negli anni ’30 e ’40, manici in bachelite. Il legno più utilizzato è la betulla, ma non è raro trovare anche manici in salice, a volte in frassino e ginepro. È possibile vedere anche coltelli con manici composti da dischi di corteccia di betulla pressati fra due piastrine di ottone.

il fodero, in cuoio bovino, è cucito sul retro è ha al suo interno un salvafilo in legno o in plastica per proteggere coltello e portatore. Contiene quasi interamente il coltello, lasciandone scoperto solo il pomo e una piccola parte del manico, così da proteggerlo dalle intemperie e minimizzare il rischio di smarrimento.

spero che anche questo articolo ti sia piaciuto, e noi ci sentiamo alla prossima

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.