Passione coltelli: il karambit

2942016krmst-pnlcc-1

Per rimanere in zona rispetto all’articolo precedente parliamo del KARAMBIT o KERAMBIT.

Coltello di origine del Sud-Est asiatico più nello specifico dell’indonesia e delle filippine , dalle caratteristiche piuttosto particolari, perche’ come vedete nell’immagine sopra è dotato di lama ricurva a doppio taglio e di anello posteriore che è parte integrante del manico,

In origine era chiamato kuku Bima ,ovvero artiglio di Bima,divinità induista che impugnava una lama, poi modificato con l’arrivo dei mercanti arabi.

Modificato sia nelle forme che nel nome infatti per la peculiarità della lama era chiamato Kuku Macan,ossia artiglio della tigre.

Il primo prototipo di karambit, molto più grosso rispetto alle dimensioni attuali, nacque come arma da battaglia e veniva chiamata karambit besar (grande karambit). La lama veniva spesso intrisa di veleno per renderla ancora più letale, mentre la forma ricurva favoriva tecniche dirette a tagliare i vasi sanguigni e a recidere i tendini delle braccia e delle gambe. Col tempo la dimensione della lama venne sempre più rimpicciolita per renderla più maneggevole, fino a raggiungere le dimensioni attuali. In tempo di pace il karambit venne relegato ad un uso prettamente di lavoro nei campi o nella lavorazione del legno. Con l’avvento delle armi da fuoco il karambit, in guerra, diventò solo un’arma secondaria, nel caso si venisse disarmati o per agire di nascosto. Attualmente viene usato anche come arma da difesa personale e utilizzato in varie discipline di arti marziali asiatiche, quali il pencak Silat o il kali.( di nuovo il kali ai filippini piacciono le armi)

Quindi il karambit è divenuto molto popolare fra tutti gli appassionati di arti marziali e difesa personale per la sua forma e per le sue due impugnature :

La presa positiva (positive grip) si ha quando si impugna il karambit infilando il mignolo nell’anello. Viene chiamata Istintiva perché impugnato in questo modo è come un coltello qualsiasi.

La presa tradizionale invece si ha quando si impugna il karambit infilando l’indice nell’anello. Viene chiamata estesa perché da questa presa si può far ruotare il karambit sull’indice aumentando quindi il raggio d’azione. Questa presa permette di infliggere tagli ascendentali alla parte inferiore del corpo e di nascondere il karambit nel pugno così da effettuare colpi a sorpresa. Si può anche usare l’anello per colpire come un tirapugni.

Ma bando alle ciance e lasciamoci guardando un video di Doug Marcaida (un fenomeno in più arti) buona visione eci sentiamo alla prossima

I Materiali per il fai da te livello 2: IL LEGNO

pile of dry firewood logs

Photo by Michael Morse on Pexels.com

Bene, ora passiamo al secondo livello,e come avrete già intuito dalla foto sopra parliamo del legname.

Il legno,uno dei materiali più antichi utilizzati dall’uomo per costruire e creare,rispecchia ancora oggi questa funzione visto che è una delle basi costruttive utilizzate dall’essere umano

sia per le costruzioni edili, per il mobilio e per la realizzazione di strumenti musicali,

ma come viene classificato e come riconosce il legno:

Continua a leggere

I Materiali per il fai da te livello 1

steel-cables-wire-mesh-woven-wire-65907.jpeg

Photo by Pixabay on Pexels.com

Quando si parla di materiali nel fai da te,penso che non ci sia limite all’immaginazione o alle possibilità visto che tutto ciò che avanza o si sta per buttare via sia una fonte ottima per reperire parti per i nostri nuovi capolavori.

Adesso,non dico che si debba diventare accumulatori seriali, ma conservare qualche cosa ci potrà sicuramente tornare utile.Soprattutto

Continua a leggere